CARTA DEI SERVIZI – “LA GRANDE FAMIGLIA ONLUS”

Struttura di accoglienza di II livello

per minori stranieri non accompagnati

Sede operativa – Via Giovanbattista Vico, 12 –  96015 Francofonte (Siracusa)

 

Presentazione

La struttura di accoglienza di secondo livello per minori stranieri non accompagnati “La Grande Famiglia” ONLUS apre a Francofonte (SR) nell’anno 2016, svolge da oltre 10 anni attività socio-educative ed assistenziali a favore di minori disagiati/svantaggiati, di età compresa tra i 3 e i 18 anni, e delle loro famiglie.

“La Grande Famiglia” ONLUS è iscritta all’albo Regionale ex art. 26 L.R. n° 22/86, giusto provvedimento del competente Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali al numero 3981 del 14/09/2014.

È iscritta, inoltre, all’anagrafe Unica ONLUS dal 20/03/2006

L’urgenza sociale relativa al fenomeno migratorio è divenuta sempre più consistente e visibile. Il flusso di stranieri extracomunitari in cerca di opportunità di vita migliori nel nostro Paese ha posto degli interrogativi su come poter intervenire.

La risposta dell’associazione “la grande Famiglia” ONLUS si concretizza con l’avvio della Struttura di accoglienza di secondo livello per minori stranieri non accompagnati “la Grande Famiglia” ONLUS, in linea con la normativa nazionale e regionale vigente e nel rispetto degli standard previsti dalla regione Siciliana con D.P. 513 del 18 gennaio 2016. La presente Carta dei servizi ha come fonte d’ispirazione fondamentale gli artt. 2 e 3 della Costituzione Italiana e gli Artt. 8,10 comma 2, 14, 20,24, 29,30,31,32,36, della Convenzione Internazionale sui diritti del fanciullo.

La Carta dei servizi è una garanzia nei confronti dei destinatari coinvolti, prevista dall’Art. 13 della L. n. 328 del 2000, per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.

1. Finalità e obiettivi

La struttura di accoglienza “La Grande Famiglia” Onlus ha come finalità quella di ospitare minori stranieri non accompagnati di sesso maschile fino al raggiungimento dei diciotto anni. I minori vengono inseriti in Struttura in virtù di provvedimento dell’Autorità Giudiziaria Minorile o, in situazioni di emergenza, per tramite delle Questure/Prefetture.

Lo scopo dell’accoglienza viene perseguito fornendo un servizio residenziale, a carattere generalmente familiare, volto a garantire l’inserimento dei minori stranieri attraverso le seguenti attività:

  • Percorso di alfabetizzazione o scolarizzazione adeguato;
  • Bilancio delle competenze e capacità;
  • Orientamento al lavoro, sostegno ed accompagnamento nella ricerca di tirocini formativi e professionalizzanti.

I progetti ed i percorsi proposti sono differenti, pensati in base alle caratteristiche e peculiarità di ogni singolo minore, legati all’età di ingresso, alle personali capacità dimostrate ed ai desideri e inclinazioni personali del minore.

2. Destinatari

La struttura accoglie minori stranieri non accompagnati di età compresa tra i 3 ed i 18 anni, di sesso maschile, trasferiti dal centro di prima accoglienza con contestuale comunicazione al comune presso il quale è ubicata la struttura ed alla procura per Minori presso il competente Tribunale per i Minorenni.

L’accesso è libero, previo colloquio con il Servizio inviante (Servizi Sociali, Prefettura/Questura o Autorità Giudiziaria Minorile competenti per territorio), atto a valutare la possibilità di inserimento e l’eventuale motivazione del minore stesso.

Il colloquio iniziale serve anche a far conoscere sommariamente la presente Carta dei servizi al minore ed a verificarne la compatibilità con il minore stesso.

La struttura accoglie minori ispirandosi al principio di uguaglianza dei diritti degli utenti: il Regolamento, quindi, riguarda i rapporti tra gli utenti ed il servizio erogato, che è uguale per tutti pur nel rispetto delle differenze culturali religiose eventualmente presenti.

Non sono ammessi in Struttura minori con patologie psichiatriche conclamate, con condotte di dipendenza da alcol o sostanze stupefacenti, in carico agli uffici di esecuzione penale esterna o che devono scontare misure alternative alla detenzione.

3. Capacità Ricettiva

La Struttura ha una capienza massima di n. 15 posti.

Nella Struttura possono, eccezionalmente su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, essere accolti minori di genere femminile qualora siano già ospitati uno o più fratelli.

Al compimento del 18° anno di età il giovane ospitato viene dimesso dalla struttura e l’eventuale accoglienza in strutture e/o permanenza sul territorio italiano saranno disposte dalle Autorità competenti in applicazione della normativa vigente in materia di immigrazione.

La Struttura è aperta 365 giorni all’anno per 24 ore al giorno.

4. Modalità d’accesso

I minori stranieri non accompagnati, di norma, verranno inseriti in Struttura a seguito di trasferimenti dalla struttura di prossima accoglienza con provvedimento dell’autorità Giudiziaria Minorile e con contestuale comunicazione al Comune di Francofonte ed alla Procura per i Minori presso il competente Tribunale per i Minorenni.

Il tale evenienza, l’ingresso in Struttura del Minore dovrà essere accompagnato da specifica relazione sociale redatta dal centro di prima accoglienza al fine di acquisire tutti gli elementi conoscitivi necessari per la presa in carico del minore stesso.

In situazioni di emergenza e in assenza di disponibilità nelle strutture di prossima accoglienza, inoltre, si può verificare che l’ingresso in Struttura avvenga tramite delle Questure/Prefetture e con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria Minorile. Anche in questa ipotesi verranno contestualmente informati dal Comune di Francofonte e la Procura per i Minorenni competente per territorio.  

5. Funzionamento e prestazioni/attività offerte

La Struttura ha come obiettivo prioritario lo sviluppo armonioso del minore che gli è stato affidato. Verrà svolta, dunque, un’attività educativa-formativa che miri, anche attraverso attività socio-culturali e ricreative, all’integrale ed armonioso sviluppo della personalità del minore, avendo cura di favorire il rapporto con la comunità locale.

Per ogni minore la struttura definirà un progetto personalizzato che consenta di programmare e verificare in itinere il percorso di accoglienza e di inserimento del singolo minore, il quale dovrà partecipare attivamente alla definizione di un proprio progetto di vita autonomo che possa trovare realizzazione al termine del progetto di accoglienza.

Nella Struttura verrà instaurata una convivenza il più possibile serena, tendente ad un recupero alla socialità degli ospiti e ad un loro accompagnamento in un percorso di crescita dell’identità personale e sociale, favorendone altresì la progressiva responsabilizzazione e autonomia.

A tal fine si cureranno in particolare:

  • L’assolvimento scolastico;
  • La formazione professionale;
  • Il collocamento in attività lavorative in apprendistato o in forma produttiva a seconda delle attitudini, delle capacità e delle possibilità di ognuno, mantenendo continui contatti con aziende e datori di lavoro;
  • Il sostegno psico – pedagogico, come metodo di intervento per il superamento dei momenti critici dei minori ospiti;
  • La responsabilizzazione dei minori attraverso possibili modi di compartecipazione alla gestione della vita comune;
  • L’uso corretto ed attivo del tempo libero, anche mediante escursioni, gite e soggiorni climatici;
  • Il rapporto libero e responsabile, sostenuto dal servizio sociale, con le famiglie ove ciò si rilevi possibili;
  • L’apertura alla realtà sociale.

La Struttura stipula annualmente idonee polizze   assicurative volte a coprire i rischi derivanti da infortuni o da danni subiti o provocati da utenti, personale e volontari. Ai minori, inoltre, si presta la più scrupolosa assistenza igienico – sanitaria, sia in via ordinaria che in caso di malattie specifiche.

Ogni minore viene provvisto di effetti personali, nonché di vestiario adatto al clima e alle stagioni, nella quantità necessaria e possibilmente scelto dallo stesso minore ed acquistato con l’ausilio degli educatori.

Il trattamento alimentare   per i minori accolti fa riferimento alla tabella dietetica approvata dall’ASP competente per territorio.

6. Dimissioni

Le dimissioni sono previste al compimento del 18° anno di età.

Sono previste, inoltre, dimissioni anticipate, disposte dalle Autorità competenti, in caso di condotta non confacente alla presente Carta dei servizi, presentata e firmata al momento dell’ingresso del minore in Struttura, o in caso di incompatibilità grave con gli altri ospiti e/o il personale operante nella Struttura.

7. Personale

Per quanto riguarda l’organizzazione del servizio residenziale e lo svolgimento delle attività sopra elencate, la Struttura impiega personale in possesso dell’adeguata formazione, In particolare, la Struttura di Accoglienza di secondo livello per minori non accompagnati “La Grande Famiglia” ONLUS è gestita da un’equipe così composta:

  • Un coordinatore;
  • 3 educatori professionali e 1 mediatore culturale/educatore;
  • 1 ausiliario adibito alle pulizie dell’alloggio ed al servizio personale degli ospiti in rapporto alle loro esigenze.

La Struttura si avvale, inoltre, della consulenza di un ulteriore mediatore culturale per 15 ore annue per minore e di un consulente legale per 13 ore annue per minore.

Al fine di tutelare i minori da rischi,  abusi, maltrattamento e sfruttamento ogni operatore sottoscrive il Codice di Condotta di cui è dotata la Struttura; inoltre, gli spazi destinati all’accoglienza sono organizzati in modo tale da garantire un ambiente in cui i diritti dei minori sono sempre tutelati e sono prevenuti possibili abusi.

Per i profili di natura sanitaria (medico, neuropsichiatra, logopedista, infermiere, ecc..) la Struttura si avvale del servizio sanitario regionale garantito dall’ASP competente per territorio, secondo la normativa vigente.

8. Organizzazione interna della vita comunitaria

L’organizzazione della vita quotidiana è improntata a favorire la partecipazione di tutti alla gestione della Comunità, promuovendo anche momenti di incontro, di discussione e di scelta.

A tal fine, la vita comunitaria si articola nei seguenti orari:

Periodo Scolastico

  • Ore 07.00 sveglia, prima colazione, igiene personale, riordino spazi personali;
  • Ore 08.00 avvio alla scuola pubblica o a corsi di formazione professionale/tirocini;
  • Ore 13.30/14.00 rientro in Struttura;
  • Ore 14.00 pranzo;
  • Ore 15.30/17.30 studio e attività didattico – formative;
  • Ore 17.30/19.00 merenda, relax, svago ed attività sportive;
  • Ore 19.00/21.00 igiene della persona e cena;
  • Ore 21.00/22.00 relax;
  • Ore 22.00 riposo.

Periodo non scolastico

  • Ore 08.00 sveglia, prima colazione, igiene personale, riordino spazi personali;
  • Ore 09.30 attività di socializzazione e ricreative programmate (mare – ecc.);
  • Ore 13.30 igiene della persona e pranzo;
  • Ore 14.30/16.00 riposo;
  • Ore 16.00/18.00 partecipazione a corsi di alfabetizzazione organizzati dall’equipe della Struttura;
  • Ore 18.00/20.00 attività sportive e ricreative;
  • Ore 20.00/21.30 igiene della persona e cena;
  • Ore 21.30/23.00 relax e svago;
  • Ore 23.00 riposo.

9. Contatti

“La Grande Famiglia” ONLUS Cod. Fisc. 97206890820;

Sede legale e operativa: Piazza S. Oliva, 37  – 90141 – Palermo;

Telefono 095 7833703 Fax 0957833703

e, mail: info@pec.associazionelagrandefamiglia.it  – info@associazionelagrandefamiglia.it

10. Norme di rinvio

Per quanto non espressamente indicato nel presente Regolamento, si rinvia a quanto stabilito in materia dalla Regione Siciliana con D.P. 513 del 18 gennaio 2016.