CARTA DEI SERVIZI – “LA GRANDE FAMIGLIA ONLUS”

Comunità alloggio per minori

Sede operativa – Via Giovanbattista Vico, 12 –  96015 Francofonte (Siracusa)

 

La comunità alloggio “La Grande Famiglia” è un servizio che si propone nel Comune di Francofonte, ed è gestito dall’associazione” La Grande Famiglia” Onlus, nel cui interno figurano professionisti con titoli specifici ed esperienze acclarate nel campo.

1. La comunità alloggio “La Grande Famiglia”, come da indicazioni della normativa Regionale, è ubicata in via Giambattista Vico n.12, è circondata da abitazioni e da esercizi commerciali di diversa natura e specie che consentono un supporto migliorativo della vita sociale degli utenti. E’servita inoltre da mezzi di comunicazione, con apposita fermata bus nei pressi della stessa.

2. Al fine di fornire costantemente servizi di qualità l’ente gestore si ispira ai principi della trasparenza, continuità, cortesia, disponibilità e professionalità.

  • Trasparenza

Verifica continua del rispetto delle regole e delle disposizioni contrattuali relative alle posizioni del personale e ai rapporti di collaborazione.

  • Efficienza

L’obiettivo è di garantire una risposta immediata qualificata e competente ad ogni esigenza anche attraverso l’adozione di soluzioni integrate ed alternative al progetto educativo generale.

  • Continuità e Disponibilità

Nel rispetto reciproco delle regole i servizi sono assicurati in modo ininterrotto.

  • Cortesia e Professionalità

I nostri operatori ed il personale aggiuntivo è a disposizione per soddisfare le esigenze dell’utenza fornendo massima attenzione con l’ascolto costante delle richieste.

Finalità

La comunità alloggio “La Grande Famiglia” è una struttura residenziale a carattere comunitario, rivolta a minori con problematiche di tipo comportamentale e relazionale provenienti per lo più da situazioni socio – ambientali e familiari particolarmente deprivate. Il servizio è finalizzato a garantire una vita quotidiana significativa, sicura e soddisfacente a 10 minori (più uno di crisi o pronta accoglienza) di ambo i sessi e prevede un’apertura continuativa di 365 giorni per 24 ore al giorno ed un’autogestione interna completa di tutte le attività. E’ rivolto ai minori ambosessi, fascia d’età 06 -18 anni, anche se per particolari esigenze dell’ente inviante tale limite d’età è da ritenersi estensibile nel minimo e nel massimo.

Obiettivi

Il servizio promuove e rende possibile il mantenimento dell’utente in condizioni di vita normali, tali da favorire la sua integrazione e percorsi di scoperta e recupero dell’autonomia nella gestione, dei rapporti con gli altri, dei tempi, degli spazi, delle proprie cose.

Specificatamente, il servizio si propone di perseguire i seguenti obiettivi:

  • Favorire il benessere psicofisico degli utenti, attraverso progetti educativi individualizzati, elaborati dall’équipe multidisciplinare;
  • Attività di base saranno quelle dedicate alla trasmissione del rispetto verso l’igiene personale e degli spazi condivisi, favorendo la partecipazione dei minori alla gestione della vita comunitaria. Gli ospiti saranno quindi seguiti in tutte le azioni quotidiane con un supporto valido a trasmettere le proprie abilità;
  • Attivare iniziative volte a favorire lo scambio relazionale, la capacità di adattamento, la flessibilità comportamentale, individuando, all’interno della programmazione, opportune aree di intervento;
  • Documentare l’esperienza, in maniera che essa possa farsi patrimonio collettivo ed acquisisca un carattere di trasferibilità e comunicabilità.

PRESTAZIONI OFFERTE DAL SERVIZIO

 A tutti gli ospiti vengono garantiti:

  • Interventi educativi individualizzati, articolati lungo le varie attività quotidiane svolte all’interno della Comunità Alloggio;
  • Tutte le prestazioni residenziali (pasti, lavanderia, pulizie, ecc.), a cura del personale educativo, e da quello di supporto che opera a pieno titolo all’interno della programmazione educativa;
  • Assistenza costante alla persona, dal punto di vista igienico e sanitario (monitoraggio costante e stretta collaborazione con i medici di base, specialisti dell’età evolutiva ecc.);
  • Cura ed attenzione, affinché ciascun utente abbia spazi ed oggetti personalizzati (vestiti, videocassette, audiocassette, libri, ecc.…), in un’ottica di rispetto degli stili di vita e scelte individuali;
  • Supporto ed accompagnamento affettivo durante la vita quotidiana;
  • Contatto frequente con le reti familiari, tutelari o amicali di riferimento, che vengono coinvolte nelle decisioni importanti che riguardano il minore (condizioni di salute, acquisti, rientri periodici in famiglia, ecc…);
  • Attuazione di progetti di integrazione sociale individualizzati, lungo l’asse dei desideri e delle risorse individuali;
  • Attività di svago e partecipazione (feste, mostre, visite, gite, ecc.), che costituiscono importantissimi momenti della vita del gruppo e di coesione interna;
  • Un lavoro d’equipe condotto con costanza, attraverso strumenti diversi (riunioni settimanali, quaderno delle comunicazioni, supervisione mensile, formazione garantita dall’Associazione “La Grande Famiglia”), che permettono aggiustamenti e miglioramenti nelle scelte educative ed un monitoraggio diffuso del servizio.

Attività previste

L’ambito operativo va individuato nella vita quotidiana e nell’ambiente di vita.

Attraverso opportune attività, l’operatore potrà diversificare le proprie modalità di relazione (accudimento, accompagnamento, ascolto, limitazione…) contribuendo in modo semplificato al processo di integrazione laddove i comportamenti reattivi, rigidi e stereotipati si rilevano inutili e controproducenti. Tutte le attività educative saranno svolte all’interno della struttura che comunque si avvarrà della collaborazione, se fornita, di organizzazioni del volontariato pubblico e privato.

Inoltre l’Associazione “La Grande Famiglia” Onlus si attiverà nelle forme disciplinate dalle normative vigenti per organizzare corsi di formazione e progetti finalizzati all’inserimento professionale di aspiranti operatori onde creare condizioni occupazionali per giovani disoccupati e soggetti svantaggiati presenti sul territorio.

Aspetto essenziale nella gestione della comunità è “l’autonomia”: sviluppo del senso di appartenenza e di responsabilità concreta nella vita quotidiana (lavori domestici, assemblee, preparazione dei pasti ed attività per lo sviluppo delle capacità relazionali).

Saranno organizzati uscite, gite, escursioni sia nei giorni lavorativi che festivi, in relazione al programma individuale di ogni utente ed all’organizzazione della comunità.

Equipe di Servizio

L’équipe di servizio, responsabile dell’attuazione del progetto educativo, attua quotidianamente la programmazione di gestione della comunità.

È punto di riferimento di tutti i problemi fisici, psicologici, educativi e relazionali che riguardano l’utenza.

Si incontra con cadenza settimanale al fine di impostare la programmazione successiva.

Svolge periodicamente incontri di supervisione con la psicologa posta a disposizione della Associazione “La Grande Famiglia” Onlus.

Si rapporta nel corso delle sue attività con i Servizi della Giustizia Minorile, gli Enti Locali, i Servizi ASL e Piano di Zona ex legge 328/2000.

Composizione dell’equipe

N° cinque educatori, ogni turno diurno sarà assicurato da due operatori, gli stessi si articoleranno sugli orari 09/17 e 17/23, mentre il turno 23/09 sarà assicurato da un operatore (che sarà affiancato all’aumentare del numero dei minori in comunità). Ovviamente è previsto il criterio flessibile degli orari anche in virtù di eventi ed esigenze allo stato non futurabili, nel pieno rispetto dei contratti di lavoro o di collaborazione stipulati.

Figure determinanti per il corretto svolgimento dell’attività saranno:

Educatori; Operatori; Assistente Sociale; Psicologa/Psicoterapeuta specialista nello studio dello sviluppo evolutivo e delle relazioni familiari.

Gli operatori che si occupano del servizio quotidiano provvederanno al risveglio mattutino, preparazione, refezione, spesa, sistemazione degli spazi, attività educative, uscite, attività tempo libero, prestando altresì particolare attenzione alle dinamiche di gruppo.

Gli educatori potranno essere affiancati dai volontari del servizio civile nonché da tirocinanti e volontari.

Le figure aggiuntive indicate opereranno in stretto accordo con gli operatori, mantenendo spazi e modalità di autonomia nella relazione con gli utenti, condividendo però finalità, obiettivi, linee di indirizzo e di organizzazione dello staff comunità “La Grande Famiglia”.

Modalità di verifiche e controllo

La verifica ed il controllo sulle attività e l’andamento del servizio sono di competenza rispettivamente:

  • Dirigente del Servizio Politiche Sociali ed il Responsabile del Servizio Sociale Territoriali.
  • ASL n.8 Distretto sanitario n.49 di Lentini.
  • Ufficio Piano di Zona ex legge quadro 328/2000.
  • Tribunale per i Minorenni di Catania.
  • Associazione “La Grande Famiglia” Onlus che vigilerà costantemente per quanto riguarda il corretto comportamento dei lavoratori e dei collaboratori.

CRITERI DI AMMISSIBILITA’

Il servizio è rivolto a minori disagiati:

  1. Privi di nucleo familiare o con famiglie che non sono in grado di assicurare loro assistenza continuativa di natura economica e morale;
  2. Minori vittime di maltrattamenti e di abusi anche sessuali;
  3. Minori per cui è stato disposto l’allontanamento dal nucleo familiare dall’ A.G.;
  4. Minori in età non imputabile, salvo diverso avviso della A.G., resisi responsabili di reati;
  5. Minori in età imputabile, resosi responsabili di reati previsti dal codice penale, affidati alla comunità alloggio dall’A.G. competente;
  6. Minori con situazioni di emarginazione sociale;
  7. Minori extracomunitari per i quali sarà garantito il loro credo religioso;
  8. Minori provenienti da altre strutture similari;
  9. Minori con motivazioni diverse da quelle descritte e comunque impossibilitati ad un corretto sviluppo evolutivo, previo comunque volontà dell’ente inviante.

Modalità di dimissioni

  1. Decorrenza dei tempi di affidamento a cui non sia seguita alcuna comunicazione di rinnovo;
  2. Trasferimento del minore presso altri enti o famiglie;

Inoltre l’équipe educativa dopo attente valutazioni si riserva di dimettere un ospite quando:

  1. Ritiene l’impossibilità di realizzare l’intervento più consono alle esigenze dell’ospite a causa di sopravvenuti eventi non dipendenti dalla propria volontà e precedentemente non prevedibili.
  2. Ritiene che la permanenza dello stesso comprometta o possa compromettere il buon esito dell’intervento educativo relativo agli altri ospiti.
  3. Gravi condizioni di salute per le quali è prevista ricovero ospedaliero o centri specializzati.

Rapporti con le famiglie

I rapporti con le famiglie o con la rete parentale di ogni singolo utente sono improntati alla collaborazione e alla comprensione emersa o emergente

Saranno consentite, salvo diverso avviso degli enti invianti, comunicazioni scritte, telefoniche e colloqui diretti, purché non intralcino il giornaliero svolgimento delle attività, individuando nella circostanza specifica per i colloqui opportune fasce orarie.

Capacità recettiva

La Comunità Alloggio “La Grande Famiglia” dispone di ampi spazi e stanze ben divise e organizzate per l’accoglienza di 10 minori ed è dotata di arredi, strumenti e materiali didattici formativi.

Spese di gestione

Le spese di gestione dell’attività sono a carico dell’Associazione “La Grande Famiglia” Onlus.

Interventi sanitari

Gli ospiti della comunità sono assegnati ad un medico di base ai sensi della normativa vigente; quest’ultimo stabilisce le modalità di programmazione dell’assistenza sanitaria avvalendosi dei servizi sanitari operanti sul territorio.

Rapporti con il Servizio Politiche Sociali del Comune di Francofonte

Al dirigente del Servizio Politiche Sociali ed al responsabile del Servizio Sociale verrà inviata una relazione annuale sull’andamento del servizio.

Documentazione

Il Responsabile ed il Coordinatore della comunità è tenuto a custodire la seguente documentazione:

  1. Cartella personale aggiornata costantemente dall’equipe educativa.

La cartella personale del minore sarà formata dalle seguenti sezioni:

  1. Amministrativa: documentazione anagrafica per gli atti dell’ente inviante concernenti l’affidamento;
  2. Sociale e Psicologica: per le relazioni prodotte dai servizi che hanno proposto l’ammissione (relazioni e relativi aggiornamenti);
  3. Educativa: per la documentazione del lavoro espletato dal servizio residenziale (osservazioni, progetto educativo individuale, evoluzione del soggetto e della situazione familiare ed ambientale, verifiche del progetto educativo generale);
  4. Sanitaria: per la documentazione prevista dal protocollo degli accertamenti sanitari e per la tessera sanitaria individuale.

La cartella sarà custodita e tutelata in forma riservatissima dal responsabile.

  1. Registro delle presenze degli ospiti;
  2. Registro delle presenze di familiari e/o figure parentali;
  3. Registro delle presenze di volontari e/o tirocinanti;

La Direzione terrà aggiornato i registri delle presenze degli ospiti, dei familiari e/o delle figure parentali e dei volontari o tirocinanti. Il Responsabile e lo Psicologo stileranno mensilmente una relazione individuale degli ospiti presenti nella struttura comunitaria.

Per quanto non compreso nella carta dei servizi si fa riferimento alle normative vigenti che regolano l’amministrazione e gestione della struttura comunitaria.